Trovare le escort su internet

Le escort online possono essere trovate con grande facilità: ecco come sfruttare il sito web e come trovarlo, evitando quindi delle sorprese tutt’altro che piacevoli.

Le caratteristiche di un sito di escort

escortCome prima caratteristica vincente, il sito che permette di trovare le escort online deve essere semplice da utilizzare: il dover effettuare troppi passaggi rappresenta una seccatura per molti utenti, specie per quelli meno esperti del web, che potrebbero non essere troppo sicuri di voler proseguire nella ricerca di tali lavoratrici.
Bisogna inoltre sottolineare che, un sito web per la ricerca delle escort, deve essere anche affidabile: eventuali profili falsi, di persone che non risultano essere identiche a quanto scrivono nel loro profilo e nelle foto, devono essere assolutamente rimossi, per evitare che i clienti possano rimanere insoddisfatti della loro scelta.
Inoltre gioca un ruolo fondamentale l’aspetto della ricerca nella piattaforma, che deve possedere criteri ben precisi che, di fatto, agevolano i tempi di ricerca dell’escort.

Un buon sito per escort

escortTrovare un buon sito dove cercare le escort sul web potrebbe essere una missione che, purtroppo, assume i toni di una perdita di tempo.
Molte piattaforme possiedono solo alcune delle caratteristiche principali prima citate, cosa che impedisce alle persone di trovare l’escort dei loro sogni, sia per esperienze sessuali che per altre motivazioni.
Ma online è possibile trovare anche piattaforme serie ed affidabili, come ad esempio quella che risulta essere conosciuta col nome di http://www.annuncitopescort.com/, che garantisce un risultato abbastanza ottimo per quanto riguarda il trovare le escort.
Poco importa quale risulta essere lo scopo finale di tale ricerca: che si tratti di un semplice rapporto sessuale, oppure di accompagnare una persona ad una cena di lavoro, questa piattaforma riuscirà a risolvere tutte le problematiche, che un cliente, potrebbe porsi prima di assumere una escort.
Grazie al suddetto sito è possibile entrare in un mondo fatto di donne oneste che offrono prestazioni differenti e che, soprattutto, evitano di raggirare il cliente con inganni e sotterfugi di ogni tipo.

Contattare l’escort

escort-vipAltro pregio della suddetta piattaforma consiste nel fatto che, i vari annunci presenti in essa, risultano essere accompagnati sia da delle foto, che permettono di inquadrare l’escort, sia di poter contattare direttamente l’inserzionista.
Tale caratteristica è fondamentale: ogni donna, che decide di rivestire i panni di una escort, è obbligata a lasciare un suo recapito telefonico in maniera tale che, un cliente, abbia la concreta opportunità di poterla contattare senza perdere del tempo prezioso.
Il mondo delle escort, ed in particolar modo quello che caratterizza tale piattaforma, risulta essere veramente semplice da sfruttare e soprattutto offre, ad una persona, la possibilità di poter trovare una donna che sia in grado non solo di garantire delle prestazioni sessuali ottime, ma anche altri servizi, come ad esempio quello di traduttrice, che di fatto permettono, ad una persona, di poter raggiungere i suoi obiettivi nell’ambito lavorativo, missione che potrà essere portata al termine in maniera semplice e soprattutto senza troppe complicazioni.

Approfondisci

Lingerie, abiti e accessori in latex

Lingerie, abiti e accessori in latex sono sempre più diffusi. Esistono vari siti specializzati, ma alcuni di questi capi e accessori vengono ormai sdoganati, ed è possibile trovarli anche in siti e negozi fisici che trattano principalmente altre tipologie di intimo.

Il latex non è più un prodotto di nicchia, la sua potenziale clientela è in continuo aumento ed evoluzione. Questo materiale incuriosisce sempre più persone, e stimola le loro fantasie più inconfessabili.

Breve storia del latex

maschere anti gasGli appassionati del latex più radicali si fanno chiamare “Rubberist” e si sottomettono al materiale. Sono veri e propri feticisti. Ma il lattice non attrae solo loro.

La storia del latex ebbe inizio nell’ormai lontano 1823, quando il chimico scozzese Charles Macintosh ideò un materiale impermeabile che divenne in seguito la base dell’attuale lattice.

Il nome latex gli venne dato durante una delle prime manifestazioni fetish, organizzata dalla “Mackintosh Society”. I primi capi d’abbigliamento realizzati in questo materiale vennero proposti molto presto, a partire dagli anni ’20, su riviste come “London Life”.

Il latex (per feticisti) divenne popolare negli anni ‘40 e ’50, in particolare grazie a giornali come “Exotique” e “Bizarre”. Negli anni ’70 John Sutcliffe pubblicò “Atomage”, con immagini ancora oggi iconiche per il settore, come quelle di cowboy vestiti in gomma e persone con maschere anti gas.

Perché il latex eccita alcune persone

latex fetishLa costrizione di certe zone del corpo le rende più sensibili. La cosiddetta “pornografia elastica” riguarda la sessualizzazione del materiale, ancor prima che della persona che lo applica sul proprio corpo.

La passione per il latex (o altri materiali) rientra pertanto a pieno titolo nel fetish. Il feticcio, è l’oggetto del desiderio, spesso inanimato, o può essere una parte del corpo, come ad esempio il piede.

Usando il latex si “maschera” una persona, rendendola simile ad un oggetto. Chi indossa capi in latex può intimidire, o essere sottomesso, in ogni caso sembra artificiale, e sicuramente appare, per gli amanti del genere, molto sexy.

Spesso nelle maschere in latex è scoperta solo la bocca, meglio se con labbra carnose e truccatissime. Il lattice porta ad una sorta di sublimazione del corpo umano. Con una tuta in lattice si diventa simili ai classici supereroi dei fumetti.

Vacuum Bed

Vacuum BedI più convinti appassionati del latex avranno probabilmente sentito parlare del vacuum bed, un particolare letto nel quale la persona viene ricoperta da lattice e immobilizzata.

Il latex la costringe e contiene, evidenziandone la silhouette. Anche questo “attrezzo” della scena fetish e sadomaso è ormai stato sdoganato e portato più volte alla ribalda da film, telefilm e brand del fashion.

Linee di moda come quelle di Marc Jacobs e Dior, hanno usato suggestioni fetish, con ampio impiego di lattice nelle collezioni nel 2015, e popstar come Madonna, Rihanna, Katy Perry e Britney Spears hanno più volte sfoggiato tute e accessori in lattice nei loro video e nei concerti live. Lady Gaga è addirittura andata in visita dalla Regina Elisabetta con addosso un abito di lattice.

Il vacuum bed amplifica tutte le sensazioni e le suggestioni degli indumenti in latex. Questo letto sottovuoto immobilizza la persona, che spesso è costretta a respirare tramite un tubo.

Chi lo prova viene completamente bloccato nella gomma, l’aria viene risucchiata, e non ci si può più muovere. Si tratta di un gioco estremo di sottomissione e privazione sensoriale. Non c’è nessuna stimolazione diretta e tantomeno penetrazione.

È proprio il materiale, il lattice a dare accesso ad esperienze sensoriali innovative. Chi lo indossa percepisce le sollecitazioni come tocco, o cambio di temperatura in modo amplificato. Il lattice è come una seconda pelle.

Lingerie in Lattice

Lingerie in LatticeAbbiamo detto che il lattice è in sostanza una seconda pelle, cosa c’è quindi di meglio dell’intimo in questo materiale?

Leggings, lingerie e capi intimi d’ogni tipo, rigorosamente il latex, stanno prendendo sempre più piede e non solo tra feticisti ed appassionati di BDSM. Le sensazioni e le suggestioni, anche solo visive, che il latex può dare possono intrigare una platea di persone potenzialmente vastissima.

Internet, e l’anonimato che consente negli acquisti, sta diffondendo la lingerie in latex, oltre i confini delle nicchie nelle quali è stata fino a poco tempo fa relegata. Oggi tutti, anche solo per provare qualcosa di nuovo, o per farsi due risate, possono acquistare capi in latex e farseli spedire a casa in pacchi assolutamente discreti. In fondo, quello che succede in camera da letto non va sbandierato ai quattro venti.

Questi capi arrivano a costare anche migliaia di euro e richiedono molte attenzioni, anzi una vera e propria dedizione per tenerli sempre puliti ed evitare che si rovinino. Il lattice infatti è molto delicato, il sudore, così come l’acqua e il contatto con vari materiali e sostanze lo possono rovinare.

Anche questo è fetish, dedicare tempo, impegno e attenzione alla cura (a volte maniacale) per l’oggetto del proprio desiderio.

 

Approfondisci

Differenze tra latex, vinile e spandex

latexPer chi non conosce l’ambiente fetish, termini come latex o spandex avranno poco senso, e anche tra i novizi è probabile ci sia un po’ di confusione.

Iniziamo col dire che esistono moltissime forme di feticismo, non come molti credono, solo quello dei piedi. Uno dei feticismi più diffusi è proprio quello per il lattice, o prodotti simili.

Ogni feticista che apprezza il genere, ha la sua preferenza, c’è chi ama la pelle, chi preferisce il pvc, ecc. Naturalmente per capire cosa si preferisce servono alcune informazioni di base. Il passo successivo è provare a usare abiti e accessori in questi materiali, indossandoli o facendoli indossare agli oggetti del nostro desiderio, per poi determinare cosa ci piace maggiormente.

spandexPer semplificare al massimo, possiamo dire che il latex (lattice) è gomma al 100%. Una delle sue principali caratteristiche è che aderisce perfettamente alla pelle del corpo. Il lattice non è traspirante, e questo può essere un aspetto positivo o negativo, in base alle vostre preferenze.

Una caratteristica invece piuttosto negativa è che il latex, se non trattato con attenzione può rovinarsi, macchiarsi o lacerarsi. Andrebbe sempre indossato con grande cura e se volete mantenerlo lucido, va trattato periodicamente con appositi prodotti, come oli e spray. La luce del sole, l’esposizione a varie sostanze e materiali, possono degradarlo, e farlo scolorire.

Il vinile e lo spandex sono invece più resistenti e facili da mantenere belli a lungo, anche se comunque necessitano di cura e manutenzione.

Il PVC (o vinile) è un “tessuto” che ha un tipo di rivestimento lucido in plastica su un supporto in poliestere o spandex. Non richiede lubrificanti per essere lucidato, è piuttosto resistente (proprio grazie al supporto in tessuto), non si macchia con facilità e richiede una manutenzione limitata.

Il vinile “four-way stretch” è per molti versi simili al lattice, è più sottile del “2-way stretch” e contiene una percentuale maggiore di gomma. Il Patent Vinyl è una tipologia di pvc più spessa. Generalmente non è elastico. Ha molti utilizzi e non solo per abiti fetish. Viene usato per scarpe, corsetti, ma anche per interni d’auto, sgabelli da bar e altro ancora.

Approfondisci